Libero di essere: fatti amico il tempo. Esercizi

Non ho tempo, poi lo faccio, poi ci penso…Ma che fine fa questo tempo? Vorremmo che le giornate fossero più lunghe, 24 ore non ci bastano.

Siete sicuri? Ma come lo occupiamo questo tempo? Cosa facciamo? Cosa vorremmo fare che, invece, non riusciamo a fare? Sai cosa ci impedisce di avere pieno controllo del nostro tempo? La non organizzazione.

24 ore sono abbastanza, se so come impiegarle.

Oggi ti propongo alcuni esercizi: mi piace che tu possa sperimentare in prima persona, affinché ciò che dico non rimanga un concetto teorico, ma possa aiutarti a mettere in pratica dei cambiamenti concreti nella tua vita.

  1. Il primo esercizio consiste nel fare una programmazione di tutte le cose che vuoi fare. Fai una lista, senza dare un’ordine al momento, e scrivi tutte le cose che vuoi fare. Da quella più importante a quella meno importante. Poi mettile in ordine di priorità: la numero 1 è quella più importante.
  2. Fai una tabella con i giorni della settimana, dal lunedi al sabato: inserisci, nella tabella, le cose da fare che hai nella tua lista. Scegli con cura il giorno e anche l’orario. Non scrivere una cosa in un giorno a caso, del tipo lunedi lo farò: devi scegliere una fascia oraria. Farò questa cosa in questo giorno preciso e in questo orario. Più preciso sei e più sarà semplice realizzare quella cosa.
  3. A fine giornata rivedi la tua lista e controlla se ciò che dovevi fare è stato fatto. Si? Bene. No? Come mai? Non importa, rifletti su ciò che non ti ha permesso di fare quella cosa: un imprevisto, non hai saputo dire di no ad una richiesta di qualcuno (in questo caso ti invito a leggere il mio articolo sui 5 modi per dire no, se non riesci in questo rischi di non portare a termine i tuoi piccoli obiettivi quotidiani e sperimentare frustrazione). Riprogramma quella cosa da fare scegliendo un altro giorno della settimana: questo ti permetterà comunque di farlo e di cercare di non posticipare poiché rischierai di accumulare impegni.
  4. e la domenica? Concediti una giornata con zero impegni. Può essere la domenica o un altro giorno della settimana, purché ci sia nella tua programmazione una giornata non programmata! Una giornata in cui ti svegli la mattina e sei libero di fare ciò che vuoi! Va bene programmare, ma è bello anche viversi la giornata cosi come viene e assecondare i desideri del momento. Vedi questa giornata “libera” come una carica per affrontare poi le giornate programmate. E noterai come una giornata non programmata sembrerà più lunga delle “sole” 24 ore… se sai dedicarle la giusta attenzione e se vuoi viverla appieno!

Autore:

Psicologa dell'età evolutiva e psicoterapeuta ad approccio Strategico Integrato. Mi occupo di: coppie, adulti, famiglie, bambini ed adolescenti. Ansia, attacchi di panico, depressione, supporto alla genitorialità, lutto, sostegno psicologico, tecniche di rilassamento, ipnosi genomica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.