Emozioni e salute: come la rabbia può condizionano la salute fisica e 5 modi per disinnescarla

inCollage_20200504_120511251

La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non consiste soltanto in un’assenza di malattia. E’ ormai risaputo che mente e corpo si influenzano a vicenda. Il sistema immunitario, in modo simile al cervello, è in grado di apprendere: questa fu una scoperta sbalorditiva che aprì la strada alla ricerca sui modi attraverso cui il sistema nervoso centrale e il sistema immunitario comunicano tra loro. Il neuroscienziato Varela dichiarò che il sistema immunitario è come il “cervello del corpo”.

Le nostre emozioni incidono sul funzionamento del corpo: è emerso come le emozioni negative fonte di sofferenza siano nocive per la salute. 

Rabbia: molti studi dimostrano gli effetti negativi che questa emozione ha per la salute del cuore. Ripetuti attacchi di collera sottopongono il cuore ad uno stress, aumentando la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna che alla lunga possono arrecare danno a quest’organo. Il problema nasce nel momento in cui la rabbia è costante e diventa un atteggiamento dell’individuo che diventa ostile e cinico nei confronti degli altri.

“L’antidoto contro l’ostilità sta nello sviluppare un cuore più fiducioso. Ci vuole solo la giusta motivazione. Quando le persone si rendono conto che l’ostilità può portarle alla tomba in anticipo, ecco, in quel momento sono mature per provare” Williams

Come si può disinnescare la rabbia?

E’ utile cercare di monitorarla. Da un esperimento è emerso come scrivere i pensieri cinici e ostili quando si sente aumentare la rabbia e sostituire questi pensieri con pensieri più ragionevoli aiutasse a tenerla sotto controllo.

La rabbia rappresenta un’energia, sta a noi decidere come convogliarla. 

Vediamo alcuni suggerimenti:

  1. respira. Sembra sciocco, ma nel momento in cui siamo arrabbiati quest’emozione condiziona il nostro funzionamento fisico, respirazione compresa. Conta l’inspirazione e l’espirazione per regolarizzare la respirazione e abbassare la frequenza cardiaca. Mentre inspiri conta 1001-1002-1003 e mentre espiri conta 1004-1005-1006 (perché 1000? perché è più lungo di 1-2-3 e aiuta a prolungare i tempi di inspirazione ed espirazione che la rabbia rende molto brevi condizionando anche la pressione e la frequenza cardiaca)
  2. prenditi un momento. La rabbia ci porta a reagire in modo impulsivo ed automatico. Quando sei arrabbiato prenditi un momento per te, isolati dal contesto mettendo in pausa eventuali reazioni. Cerca di raffreddarti in un ambiente nel quale ci siano scarse probabilità di imbatterti in fattori che possano stimolare l’ira.
  3. metti in discussione i tuoi pensieri: prendi carta e penna e metti per iscritto i pensieri di rabbia. Dopo aver scritto i pensieri (e scaricato in parte l’energia) prova a modificarli: “sono arrabbiato” può diventare “questa frase che ha detto X mi ha fatto arrabbiare, mi sono sentito… trascurato, ignorato, sopraffatto, ecc…Questa elaborazione del pensiero e dell’emozione ti porta a far emergere il bisogno sottostante che il gesto dell’altra persona ha colpito. La rabbia è una reazione che abbiamo quando ci sentiamo attaccati e sentiamo di doverci difendere: con questo esercizio proviamo a capire da cosa ci dobbiamo difendere, qual è il nostro bisogno che l’altro ha messo in pericolo con il suo gesto. Lo scoppio d’ira viene innescato da una prima valutazione che facciamo di ciò che è accaduto: prova a trovare delle alternative valide a ciò che è successo. Questo funziona se fatto prima che la rabbia si trasformi in vera e propria ira.
  4. Distraiti. Guardare un film, concentrarsi su un’attività, correre, camminare, aiutano a calmarsi perché interferiscono con i pensieri di risentimento che alimentano la collera. Fare acquisti e mangiare, invece, non funzionano perché non aiutano a bloccare i pensieri negativi
  5. Non dare libero sfogo alla rabbia. Contrariamente a quanto si crede, questo è uno dei modi peggiori per raffreddarla e non fa che alimentarla.

Prendersi cura del proprio benessere emotivo ha un effetto rinvigorente. La psicoterapia aiuta le persone a gestire meglio i sentimenti negativi come ansia, rabbia, preoccupazione eccessiva, tristezza, e in questo senso ha un effetto preventivo oltre che curativo.

Autore:

Psicologa dell'età evolutiva e psicoterapeuta ad approccio Strategico Integrato. Mi occupo di: coppie, adulti, famiglie, bambini ed adolescenti. Ansia, attacchi di panico, depressione, supporto alla genitorialità, lutto, sostegno psicologico, tecniche di rilassamento, ipnosi genomica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.