Riparto da me: da sola o in compagnia? Esercizio

thumbnail (1)

Il titolo di quest’articolo è provocatorio: che cos’è poi la solitudine? Siamo realmente soli? C’è chi si sente solo anche in mezzo a tante persone, e chi seppur solo fisicamente si sente in compagnia. Dove sta la differenza?

Questa settimana affrontiamo il tema “Riparto da me”. Abbiamo stabilito il tragitto da percorrere, esaminato con occhio critico la nostra mappa (ricordando che la mappa non è il territorio). Ora proviamo a riflettere su questo tema: questo viaggio lo intraprendo da solo o c’è qualcuno accanto a me?

Come si fa a non sentirsi soli e spaesati? A non farsi spaventare da un viaggio che può prevedere mille variabili? La risposta sta proprio nell’immaginare un compagno di viaggio!

Che sia reale, o immaginario, è importante sapere di non essere soli in questo viaggio. Se mi volto (di lato, o dietro di me) chi vedo? Chi voglio al mio fianco? Potreste vedere un amico, il partner, un genitore, vostro figlio, il vostro animale domestico, oppure voi stessi. Me stesso? Si, perché credo in me e so che non sarò mai solo. Troppo spesso sottovalutiamo il nostro ruolo, la nostra presenza. Non importa chi sia la persona che immaginate al vostro fianco, purché sia una persona che vi vuole bene e che soddisfa le vostre esigenze e i vostri bisogni.

Ti propongo un esercizio, perché mi piace l’idea che tu possa sperimentarti in qualcosa di pratico per mettere in atto ciò di cui parlo.

Prenditi un momento (probabilmente già lo stai facendo mentre leggi quest’articolo). Ascolta l’audio con le mie parole, o se preferisci leggi ciò che ho scritto di seguito.

“Immagina che una persona profondamente altruista e comprensiva ti stia accanto, tenendoti la mano sulla spalla in modo rassicurante e offrendoti parole di conforto. Tu ascolti, e magari prendi nota dei consigli che ti vengono offerti, come un dono. Poi continua a svolgere le tue attività, sapendo che potrai sempre chiedere incoraggiamento e aiuto ogni volta che lo desideri”

Quando lo sconforto, la paura e le preoccupazioni prendono il sopravvento prova a chiudere gli occhi e ad immaginare di avere accanto a te un compagno di viaggio, qualcuno che sia li per te, per incoraggiarti e per darti quelle parole di conforto e quell’abbraccio di cui hai bisogno. Non sei solo.

Il tema della settimana è Riparto da me. Ti propongo la lettura di un testo “30 modi per vincere lo stress” di Christian Schriner, da cui vengono tratti alcuni esercizi della settimana.

Autore:

Psicologa dell'età evolutiva e psicoterapeuta ad approccio Strategico Integrato. Mi occupo di: coppie, adulti, famiglie, bambini ed adolescenti. Ansia, attacchi di panico, depressione, supporto alla genitorialità, lutto, sostegno psicologico, tecniche di rilassamento, ipnosi genomica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.