Se i pensieri e le preoccupazioni prendono il sopravvento, tu pensa al pranzo!

FB_IMG_1585043144742

Chi mi conosce sa che amo lo yoga e che lo pratico quotidianamente: mi ritaglio la mia mezz’ora mattutina prima di iniziare la giornata, facendo il pieno di energia. Non è facile, però, staccare da tutto. E non lo è neanche durante le asana (le posizioni dello yoga). La mente se ne va in giro, presa da pensieri e preoccupazioni. In questo periodo non è facile liberare la mente dai pensieri negativi, la situazione è critica, nel nostro paese come nel mondo. Ci si preoccupa per noi stessi e per le persone intorno a noi. Per quanto ci si sforzi di essere positivi  ci sono dei momenti in cui, inevitabilmente, le preoccupazioni affiorano. Mi ha fatto molto sorridere la quarta scenetta in questa immagine: dovrei avere lo snack al burro di arachidi per pranzo? Quando le preoccupazioni sono tante e i pensieri negativi rischiano di prendere il sopravvento, che cosa possiamo fare? Pensare al pranzo, come nella vignetta? Beh, non è del tutto sbagliato. Nel senso che ciò che possiamo fare è proprio chiederci: cosa possiamo fare noi in questo momento per fronteggiare le preoccupazioni? In concreto, cosa posso fare? Documentarmi, stare a casa, avere le giuste accortezze che sono state suggerite, restare in contatto con familiari e amici, utilizzare il tempo a disposizione in modo pieno e gratificante per aiutarmi a sentirmi attiva e partecipe. E, perché no, pensare anche al pranzo! Occupare il mio tempo in qualche modo. Pensare e rimuginare sulla negatività non fa che alimentarla: è come un’erbaccia, il mio pensarci continuamente non fa che darle fertilizzante per crescere ancora di pi. E allora cosa posso fare? Pensare ad altro, occuparmi di altro. A cosa puoi dedicare il tuo tempo e le tue energie? Sei tu a sceglierlo…

Autore:

Psicologa dell'età evolutiva e psicoterapeuta ad approccio Strategico Integrato. Mi occupo di: coppie, adulti, famiglie, bambini ed adolescenti. Ansia, attacchi di panico, depressione, supporto alla genitorialità, lutto, sostegno psicologico, tecniche di rilassamento, ipnosi genomica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.