Test: qual’è il vostro livello di autostima?

Autostima. Una parola che si usa spesso, se ne sente parlare: chi ne ha molta, chi ne ha poca. Ma cos’è veramente? L’autostima è il risultato dello sguardo che un individuo posa su se stesso: sul proprio aspetto fisico, sulle proprie competenze, sui propri risultati personali e professionali, sulla propria ricchezza affettiva. Ma il successo in uno o più di questi ambiti non è garanzia di autostima: infatti quest’ultima deriva dall’equilibrio dei diversi aspetti. Di natura fragile e mutevole, l’autostima aumenta quando viviamo nel rispetto dei nostri valori personali e diminuisce ogni volta che il nostro comportamento non è coerente con quei valori.

L’autostima richiede che si sia in grado di:

  • accettare se stessi cosi come si è;
  • gestire le proprie emozioni;
  • trattare con gli altri;
  • affrontare i conflitti;
  • accettare la realtà,
  • affermare se stessi di fronte agli altri,
  • avere fiducia in se stessi.

Come si costruisce l’autostima? Nasce dal contatto con gli altri. I genitori prima di tutto, la famiglia, gli amici, gli insegnanti, che influiscono a loro modo sulla percezione che l’individuo ha di se stesso. In età adulta l’ambiente gioca un ruolo essenziale, che va ad aggiungersi agli influssi subiti durante l’infanzia: come i successi, gli errori o i fallimenti.

Ed ora mettetevi in gioco valutando il vostro livello di autostima.

test: qual’è il vostro livello di autostima?

1- Mi accetto come persona:

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

2- Ho fiducia in me stesso: 

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

3- Mi so affermare di fronte agli altri:

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

4- Sono benvoluto praticamente da tutti:

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

5- Mi esprimo senza fatica all’interno di un gruppo:

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

6- Merito di essere felice:

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

7- Ritengo che la mia opinione sia importante quanto quella degli altri

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

8- Vi dite: “Errare è umano” quando vi capita di commettere un errore?

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

9- Vi riesce facile ascoltare una critica giustificata che vi viene mossa?

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

10- Siete capaci di dire ad un altro adulto che trovate inaccettabile il suo comportamento nei vostri confronti?

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

11- Quando una relazione si fa insostenibile, siete capaci di interromperla?

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

12- Siete capaci di dire no quando serve?

MAI        A VOLTE     SPESSO     SEMPRE

 

Per ogni “sempre” attribuitevi 3 punti

per ogni “spesso” 2 punti

per ogni “a volte” 1 punto

per ogni “mai” nessun punto

Risultati:

Da 0 a 15 punti: E’ necessario superare alcuni ostacoli. Avrete la possibilità di guadagnare altri punti approfondendo quelli in un avete risposto “a volte” o “mai”. La vita vi risulterà più semplice!

Da 16 a 25 punti: Siete sulla buona strada. Dovete ancora perfezionare alcuni punti importanti.

Da 26 a 36 punti: La vostra autostima è già buona. Identificando gli aspetti da migliorare troverete sempre più piacevole vivere con voi stessi ed in mezzo agli altri.

Questo test vi permette di mettere a fuoco i punti che si dimostrano carenti nel migliorare la vostra autostima. Nel prossimo articolo approfondiremo “Come migliorare l’autostima” fornendo alcuni esercizi e spunti di riflessione.

autostima11 (1)

Il futuro dipende da ciò che facciamo nel presente

Quante volte è vi capitato di pensare al futuro? Come sarà, come sarete, se avrete raggiunto i vostri obiettivi, se sarete felici…E quante volte vi capita di fare sacrifici per il futuro, per costruire qualcosa che poi un giorno si realizzerà, che vedrete concretizzato e vi permetterà finalmente di godervi la vostra meritata felicità?

Ma cosa succede mentre siamo indaffarati nella ricerca di tutto questo? Che fine fa il nostro presente?  C’è la fretta, il correre, il non potersi permettere un attimo di riposo, il non godere delle piccole cose perché siamo impegnati a pensare a cosa potremmo fare in quel momento libero, quanto tempo stiamo “perdendo” e a come avremmo potuto gestirlo meglio. Che prezzo stiamo pagando, che fine fanno le piccole cose quotidiane? E quante emozioni piacevoli ci sfuggono di mano?

Ogni momento vissuto racchiude in sé la possibilità di renderci felici, di regalarci emozioni, di farci sentire vivi. Il sorriso di chi incontriamo, un fiore raccolto, il tempo passato con chi amiamo, il mettersi in contatto con chi ci troviamo di fronte, fare ciò che veramente ci rende sereni senza sentirsi in colpa o pensare a ciò che avremmo potuto fare in quel momento. Perché? Perché è ciò che realmente ci piace e ci fa stare bene.

Cosa ci auguriamo per il futuro? Io credo principalmente la felicità. Non sarà il lavoro migliore, o la casa più grande, o l’avere figli, o il vederli sistemati e felici. No. La felicità la costruiamo noi,  non pensandola come obiettivo futuro vincolato a cose materiali o ad obiettivi raggiunti, ma vivendola ora, nel presente.

Non ci sarà il momento migliore per fare le cose, facciamole adesso. Non ci sarà qualcuno che farà la cose per noi, rimbocchiamoci le mani e rendiamoci attivi nel costruire le basi per gli obiettivi che vogliamo raggiungere. Spesso ci si concentra su ciò che non si ha: quando troverò un lavoro migliore starò meglio, quando avrò un fidanzato sarò completa, quando avrò dei figli sarò realizzata. Non possiamo vincolare la nostra soddisfazione e serenità a qualcosa fuori da noi: siamo noi stessi a decidere come vivere la nostra vita. Per costruire il futuro che vogliamo bisogna partire da noi, chi siamo, cosa vogliamo e come viviamo il presente per mettere le basi del nostro futuro.

Cosa facciamo per il nostro presente? Come lo viviamo? Proviamo a partire da qui.

     1097971_506004696148954_1384828656_n